Eco Ammorbidente

Aggiornato il: 6 apr 2019

Formula esempio:

1. Aqua (Aqua): to 100

2. EQ 65 (Distearoylethyl Dimonium Chloride; Cetearyl Alcohol): 2%

3. Fragranza Fresco Bucato (Parfum): 1%

4. Conservante (Propanediol, Phenethyl Alcohol, Undecyl Alcohol, Tocopherol): 1%

5. Acido Citrico in soluzione (Aqua Citric Acid): q.s. to pH 3.5 - 4.0



Procedimento "pilota" per 300 g di ammorbidente:

1. Prendere un beaker pulito in vetro di 600 ml e annotare il peso.

2. Versare 6 g di EQ 65

3 Aggiungere 150 g di acqua

4 Riscaldare a bagnomaria fino a 75 - 80°C

5. Mescolare con una spatola velocemente per disciogliere il più possibile le gocce di EQ 65 cercando di mantenere una temperatura costante di 75°C.

6. Quando le gocce sono semi disciolte, fare una prima emulsionata con un minipimer a potenza medio alta per qualche minuto. Ci saranno ancora pezzetti di esterquat non disprso di consistenza gelatinosa. Non te ne curare.

7. Pesare il contenitore di nuovo e aggiungere l'acqua rimanente (anche quella persa durante l'evaporazione) e mettere di nuovo a bagnomaria riportando la temperatura a 75°C mescolando di tanto in tanto.

8. Raggiunta la temperatura emulsionare per qualche altro minuto. Controllare con la spatola che non sia rimasto nessun grumo.

9. Lasciare raffreddare lentamente mescolando di tanto in tanto.

10. Al di sotto di 40°C aggiungere il conservante e mescolare. Fare attenzione a fenomeni di instabilità.

11. Aggiungere la fragranza e mescolare uniformamente.

12. Portare il pH a 3.5 - 4 con una soluzione concentrata di Acido Citrico.

13. Emulsionare nuovamente per 20 - 30 secondi e lasciare riposare.


Domande e Risposte:

1. Perchè fare un procedimeto pilota?

Quando si và a fare una preparazione nuova si deve essere pronti a tutto anche a buttarlo nell'immondizia. Nel primo esperimento andremo quindi a preparare una minima quantità e andremo ad annotare ogni minimo passaggio e osservazione.


2. Perchè fare il procedimento pilota in un beaker di vetro?

Perchè è più facile osservare come si comporta la nostra preparazione. I due ingredienti critici sono la fragranza e il conservante i quali possono risultare incompatiili con l'esterquat. Si osservano subito se ci sono separazioni, residui, precipitazioni ecc.


3. Perchè devo annotare il peso del contenitore?

Perchè nel procedimento riscaldiamo e teniamo a caldo per un periodo relativamente lungo. L'acqua persa per evaporazione, in questo caso e nel primo step, non può essere trascurata.

Per esempio nel mio caso: il contenitore vuoto pesava 228 g e l'EQ 65 6 g: totale 334 g. Ho aggiunto 150 g di acqua e ricaldato (totale peso:484) . Quando sono arrivata allo step 7 del processo il mio totale era 470 g , quindi ho perso 14 g di acqua che andrò ad aggiungere nella mia acqua rimanente.


4. Perchè aggiungo l'acqua in due parti?

In questo modo ho notato che si spreca meno energia e viene più semplice e veloce la dispersione dell'EQ 65.


5. Sei sicura? come lo sai?

perchè ho provato il metodo classico. Tempi interminabili per riscaldare e disperdere l'esterquat, specialmente perchè tende a stare in superficie.


6. Quale conservante utilizzare?

Un conservante stabile ed attivo a 3.5 - 4 di pH, compatibile con l'esterquat. Quale? Prova! Nel mio primo lotto pilota ho utilizzato il sodio benzoato. La mia emulsione si è separata in 2 secondi. Il secondo conservante invece è risultato perfetto.


7. Quanta e quale fragranza devo mettere?

A gusto. Si deve provare e testare in lavatrice.


8. Perchè emulsiono alla fine?

Così aumenta leggermente di viscosità e il conservante e la fragranza si disperdono facilmente.


8. Quando posso fare un grosso quantitativo?

Quando conosci bene "l'aspetto" della tua preparazione in ogni step del TUO processo. Quando sei sicuro di aver trovato il tipo e quantitativo di fragranza che ti ha soddisfato, il tipo e quantitativo di conservante da utilizzare e la consistenza del tuo ammorbidente ti soddisfa (non lascia residui, si disperde facilmente, lascia i capi morbidi profumati al punto giusto e non appesantiti).

210 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Balsamo Lavante.

Con la combinazione dei quat (tensioattivi cationici), alkyl glucosides (tensiattivi non ionici) e cetyl alcohol si può ottenere un prodotto molto di moda oggi: il cleansing conditioner cioè un balsam

  • Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon

Sikania Ltd